Le canzoni avevano ragione

La prima volta in cui è arrivata da me ero lì dentro da solo
nella stanza piena di rumore, e incubi e fantasmi da condividere
Tre accordi e solo una parola in una lingua sconosciuta
ma mi è sembrato davvero di aver finalmente vinto la guerra

E sono rimasto, ho cantato, e mi è sembrato che il mondo non fosse più così immobile
In fondo alla stanza, se attraversavo il muro potevo raggiungere uno spazio infinito

Persi in una tempesta di gelo, arrivarono da tutte le parti
con le bandiere di una tregua che allora non conoscevo
Pensavo di aver sentito le melodie,
di sapere come fa questa vecchia canzone
ma loro dipinsero le stanze con colori mai visti

Danzando sull'orlo di queste notti in fiamme
Cercando le parole, sbagliando a leggere i segni
Se dicono “devi”, risponderò “no”
ma se mi dici “fidati”, aspetterò
Tutti i deboli in armatura
a volte si sciolgono, se ti metti a parlare

E lo so: non possiamo essere liberi dalle tempeste, e la notte sta per scendere
Ma se stringiamo i nostri cuori, i motori ripartiranno e ci sarà spazio per tutti

Prima che la mia storia finisca, voglio costruire una scala
Non importa quando: so che ci rivedremo lì
Avremo ferite da mostrarci, e storie della lunga battaglia
Poi mi inchinerò e andrò via: ho dimostrato
che le canzoni avevano ragione

Resta un po' qui, diamo un altro nome alla Terra
Inventiamo nuove parole, disegniamo linee sulla faccia
di questo vecchio mondo, che si rinnoverà:
dietro la sua maschera, il sorriso della verità
E le storie scritte sulla pietra
rimarranno, per dire che abbiamo vinto